To Copyright or Not to Copyright

Creative Commons License
This pictures by Lucia Meazza - Stereodinamica.it are licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 2.5 Italia License. Permissions beyond the scope of this license may be available at info@stereodinamica.it.

Creative Commons License
Tutte le immagini di Lucia Meazza - Stereodinamica.it sono pubblicate sotto una licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale 2.5 Italia License. Per ulteriori informazioni: info@stereodinamica.it.

L'antefatto

Questa primavera un quotidiano barese ha ritenuto (rivelando fra l'altro una profonda ignoranza sull'argomento) di poter utilizzare a commento di un articolo sui punkabbestia una delle foto ritratto che avevo fatto a una cantautrice. La quale si è vista pubblicata sul giornale con la didascalia "Punkabbestia" sotto.

Il fatto che poi l'artista abbia sfruttato l'occasione per farsi fare in cambio un articolo sull'uscita del suo nuovo album non ha attutito il colpo.

Perché non pubblico immagini in modo superficiale: chiedo il permesso, le mostro prima e questo anche quando legalmente non avrei bisogno di autorizzazioni.

Essendo quindi molto attenta alla sensibilità delle persone ritratte nei miei scatti, anche se non sono direttamente responsabile dell'accaduto, ci sono rimasta male. Male pensando che un immagine prodotta da me potesse essere utilizzata impropriamente per etichettare qualcuno, più o meno negativamente.

Questo mi ha fatto riflettere e mi sono chiesta se avessi fatto tutto il possibile per tutelare l'immagine dei soggetti che pubblico. Da qui la decisione di aggiungere il simbolo (cc) di Creative Commons e il nome su ogni immagine anche se trovo che le scritte sulle foto infastidiscono la lettura dello scatto.

Poi è vero che se uno è stronzo è stronzo e non c'è scritta che tenga ma almeno posso pensare di aver fatto tutto quanto è in mio "potere" fare.

"Potere", bah.


Premetto che Non sono "fissata" con copyright o cose del genere, anche se ogni tanto accetto dei lavori non ho fatto della fotografia la mia professione principale.

È molto semplice: tranne che vendertele e purchè tu ne citi la fonte, puoi fare di tutte le immagini (ad eccezione dei ritratti - per i quali serve l'autorizzazione del soggetto) ciò che vuoi; scaricarle e manipolarle e anche ripubblicarle. Pensa te che bello.

Almeno, a me queste parole sembrano semplici e anche il concetto che esprimono mi pare estremamente chiaro ma risulta evidente che non è così.

Quindi spiego due cose:

1) Innanzitutto la mia non è una richiesta, ma è una condizione: cioè per poter usare le immagini di cui sopra, DOVETE necessariamente citare la fonte.

Naturalmente prendo in considerazione richieste particolari: problemi? Parliamone.

2) Cosa si intende per citare la fonte? Vediamolo insieme.

È il rispetto per l'autore, per il lavoro che ha messo nella creazione dell'opera, per la sua creatività e per il beneficio che voi state traendo dal suo lavoro utilizzandolo gratuitamente.

In sostanza si tratta di riconoscere il contributo dell'autore originario. Ovviamente anche qualora partiate da un'immagine da me creata per realizzare qualcos'altro.

Va da sè che "bella zia" o "grazie ad una nostra amica per le foto" o il nulla non risultano adeguati.

Inserire Nome e Cognome, e/o link, appare invece una soluzione più equa.

Equa. Chiaro no? Cioè ad esempio: è la tua faccia quella che ho fotografato e io sono ben felice di darti la foto perchè tu possa utilizzarla, però potrei anche tenermela nel cassetto ok? Invece te ne fornisco una copia.

Direi che il minimo che puoi fare per me è riconoscermi i crediti come autrice nel momento in cui la pubblichi. Il che ora che ci penso non è soltanto equo, è Equo e Solidale! Pensa te che figata.

Comunque a scanso di equivoci rilascio il mio lavoro sotto questa licenza Creative Commons, ma non basta: coloro che avessero bisogno di un po' di bla bla in avvocatese (sempre per capire meglio, perchè magari non è ancora abbastanza chiaro) possono trovare il codice legale, ovvero la Licenza Integrale qui.